Piede piatto: questo disturbo diffuso

Si dice piede piatto quando l’arco plantare è piatto, ossia quando l’intera pianta del piede tocca terra. Il piede piatto può essere presente dalla nascita o apparire in seguito a traumi o invecchiamento. I fisiologici archi del piede, non presenti nel piede piatto, servono per un equilibrio ottimale, per la flessibilità del piede e aiutano ad assorbire i “colpi” ripetuti derivati dall’appoggio del piede. I fattori di rischio sono:

  • l’obesità;
  • traumi al piede ed alla caviglia;
  • invecchiamento;
  • pressione alta;
  • diabete;
  • gravidanza;
  • eccesso di attività sportiva che prevede molta corsa.

Il piede piatto è molto diffuso nella popolazione e spesso non causa nessun tipo di dolore né disagio apparente. Quando però la gravità aumenta, la persona può arrivare a provare dolore al piede, alla caviglia, addirittura fino al ginocchio dato che non viene rispettato l’allineamento fisiologico degli arti inferiori. Se non si prova nessun dolore, normalmente non viene prescritta nessuna terapia e si può quindi convivere pacificamente con questa patologia.

Al contrario, in presenza di sintomi, è necessario un intervento che può andare dalla semplice automedicazione con ghiaccio e riposo fino ai casi più gravi in cui è necessario l’intervento chirurgico – anche se fortunatamente in casi molto rari.
La valutazione di un esperto è sempre necessaria quando si presenta anche il minimo dolore. Non esitate a contattare il Centro Ortopedico Sanitaria Bresciana per fissare un appuntamneto.

Lascia un commento